giovedì 1 marzo 2012

Io sto con Pasolini

“Quando ieri a Valle Giulia avete fatto a botte
  coi poliziotti,
  io simpatizzavo coi poliziotti!
  Perché i poliziotti sono figli di poveri.
  Vengono da periferie, contadine o urbane che siano.
  (…)
  Hanno vent’anni, la vostra età, cari e care.
  Siamo ovviamente d’accordo contro l’istituzione della polizia.
  Ma prendetevela contro la Magistratura, e vedrete!
  I ragazzi poliziotti
  che voi per sacro teppismo (di eletta tradizione
  risorgimentale)
  di figli di papà, avete bastonato,
  appartengono all’altra classe sociale.
  A Valle Giulia, ieri, si è cosi avuto un frammento
  di lotta di classe: e voi, amici (benché dalla parte
  della ragione) eravate i ricchi, mentre i poliziotti (che erano dalla parte
  del torto) erano i poveri. (…)”

 Pier Paolo Pasolini






8 commenti:

  1. Non mi è piaciuto quel bulletto provocatore, e amo Pasolini, eppure considero ingenuo e superato il pauperismo e il classismo di questa cosa che tutti i giornalisti di regime tirano fuori in modo retorico. Non si è "buoni" solo perché figli di poveri o di proletari. Ci sono anche carabinieri che ricattavano e minacciavano i clienti dei trans (e che forse hanno ne hanno eliminato qualcuno un po' scomodo), e carabinieri che con false testimonianze hanno fatto marcire in galera degli innocenti per coprire traffici di droga di loro colleghi, e questi sono solo due dei mille esempi che si potrebbero fare. Eppure i gionalucoli di oggi sono tutti un Libro Kuore con le parole e i nomi dei bimbi dei poveri militi... Generalizzare è sempre sbagliato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente, generalizzare è sempre sbagliato. Non tutti i manifestanti sono idioti, non tutti i poliziotti sono santi.

      Elimina
  2. Avevo sentito questo scirtto di pasolini e credo che si riferisse anche lui ad un fatto bene preciso... non genralizzava era dalla parte dei poliziotti in quel caso ed ogni metafora o accostamento era per quel fatto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti anche nel frammento di poesia qui sopra precisa che quelli che erano in torto erano i poliziotti.

      Elimina
  3. concordo con lo zio... e aggiungo che è sempre nella memoria di tutti noi quello che è successo qui a Genova. Dopo ci sono state parecchie promozioni per funzionari di polizia ripresi a massacrare donne, uomini e anziani.
    Mai generalizzare vero.
    E mai giustizia ad personam (Oops!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ero un giovane di belle speranze ho sempre creduto che la polizia fosse uno dei mali da combattere, ora che ho due dita di cervello in più capisco che sono solo dei poveracci che fanno un lavoro del cazzo e pure pagato male. Che ci siano diverse mele marce non c'è dubbio. Ma dove non ci sono?? E' chiaro che una mela marcia in un corpo di polizia può fare molto più danno di una mela marcia che porta le pizze la sera.

      Elimina
  4. Lo Zio è sempre saggio. :)

    Ciao AB. :D

    RispondiElimina